A+ A A-

Il GAL e l'accoglienza turistica

Il Gal Versante Laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo in collaborazione con la Provincia di Frosinone sta svolgendo da qualche giorno presso il Centro d’informazione turistica di Atina ( I. A. T. tel 0776-691166 fax 0776 513135 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. un’ intensa attività per accogliere i visitatori e per rispondere alle esigenze degli operatori del territorio.

Loreto Policella , presidente del Gal Versante Laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo che con Carlo Pascucci, direttore dell’Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Frosinone è stato il promotore delle iniziative di accoglienza nel Centro d’informazione turistica di Atina ritiene che occorre unire tutte le forze per far crescere il territorio.

Infatti, pur disponendo di straordinarie risorse materiali e umane, queste sono mortificate da un vero e proprio blocco economico e sociale e perfino di genere e di generazione.

E’ necessario un salto nelle capacità competitive del sistema assicurando quella qualificazione dei servizi e delle strutture turistiche giustamente pretesa dai visitatori e, al tempo stesso, la costituzione di un tessuto unitario che integri fra loro tutte le risorse disponibili e prime fra tutti quelle provenienti dal mondo dei giovani. Solo in tal modo il territorio disporrà di un sistema istituzionale e politico all’altezza della complessità dei suoi problemi.

Il progetto di accoglienza turistica parte dalla considerazione dello I.A.T. come servizio polifunzionale di aggregazione sociale e prevede di:

-costituire un volano del marchio d’area delle strutture turistiche
S’incentiverà l’adesione al marchio del Gal (marchio delle 4 E) e,nello stesso tempo, verranno monitorati sforzi e fabbisogni delle strutture che hanno aderito al marchio, realizzando iniziative di qualificazione,di promozione e di supporto per fruire delle opportunità finanziarie disponibili (vedi Box A)

-rappresentare uno spazio che gli artigiani di produzioni locali sentano come proprio, dove poter esporre le proprie opere, presentarle anche attraverso laboratori didattici, e dove vengano ideati, progettati e realizzati progetti in cui la creatività divenga uno strumento essenziale per lo sviluppo locale.
Fin dai prossimi giorni gli artigiani del territorio potranno esporre le loro opere in un’area dello spazio dello I.A.T.,e potranno concordare con il Gal un calendario per la presentazione al pubblico del loro saper fare attraverso un vero e proprio laboratorio didattico aperto al territorio.

- far nascere una “stanza delle Associazioni” come luogo d’incontri-confronti, di promozione
Tale spazio sarà autogestito dalle Associazioni che, sulla base di un Regolamento , potranno presentare se stesse nelle modalità più conformi ai loro fini istituzionali (ad esempio un’Associazione ciclistica potrà proporre una gara ciclistica, un’Associazione di donne potrà incontrarsi periodicamente nei locali dello IAT e così via).
Come impegno da parte del Gal, verrà svolta un’attività di coordinamento, supervisione e promozione .

-sviluppare specifici progetti in grado di collegare i comuni del territorio di competenza, fra loro o anche con territori esterni, predisponendo appositi itinerari turistici

Tale funzione si articolerà nei seguenti compiti:

- individuazione di un tema da sviluppare nell’arco della stagione (esempio: stagione estiva 2008: il tema della transumanza: “Transum’arte”; stagione autunnale e invernale 2008:il tema archeologico: “Popoli Italici degli Appennini” ), stagione primaverile 2009 ( il tema ecologico: “Futuro Remoto del pianeta Terra”)

- organizzazione di una mostra diffusa sul territorio che partendo dalla sede di Atina, opportunamente allestita, si snoderà nel territorio e anche nei territori contigui con appuntamenti differenti in diverse date (itinerari-pacchetti turistici (di diversa durata), eventi, concorsi, premi, convegni, incontri con testimoni del territorio ecc).

- gestire programmi unitari per dare visibilità al territorio ( attraverso iniziative diverse come ad esempio la card della Provincia e il calendario degli eventi estivi 2008 )
Fra queste iniziative, le prime che in ordine di tempo s’intende portare avanti sono quelle d’invitare a degustazioni dei prodotti locali cosiddetti “di chilometro zero” (produzioni tipiche realizzate nell’arco di un chilometro circa) in collaborazione con la Strada dei prodotti tipici san Benedetto, l’inaugurazione di un’area espositiva con alcune opere di artigianato artistico locale, la presentazione ai giovani del territorio del filmato recentemente prodotto dal Gal “Quarantunesimo parallelo” una mostra dei materiali illustrativi dei musei del territorio.

Tali iniziative saranno svolte nel corso dei prossimi mesi.

BOX Che cosa è il marchio delle 4 E ( immagine del marchio)

L’idea di proporre un marchio di area turistico al territorio è nata nei Forum che il Gal Versante Laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo ha attivato fin dall’inizio del programma LeaderPlus.

Infatti, all’interno di questi momenti d’incontro e di confronto fra gli operatori, è stata evidenziata una realtà territoriale, dotata di un patrimonio straordinario di attrattive legate alla natura, alle tradizioni, ai siti culturali , che tuttavia stenta a trovare una visibilità nazionale e internazionale, perché è ancora lontana una realtà di sistema di risorse turistiche.

Tale analisi ha spinto il Gal a porre come priorità assoluta quella di costruire un Sistema Turistico Locale, con l’obiettivo di migliorare gradualmente la qualità turistica dell’offerta territoriale, collegandosi anche ad un marchio di qualità riconosciuto a livello europeo come l’Ecolabel.

E’ nato quindi i il cosiddetto marchio delle 4 E (eco-compatibilità, eticità sociale, efficacia turistica, efficienza aziendale) , che punta ad affermare con forza i valori del territorio:

L’eco-compatibilità comprende le misure che riguardano l’inserimento nel paesaggio, l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili, il risparmio energetico, i provvedimenti per le diverse forme d’inquinamento, la lotta contro l’uso di sostanze chimiche non biodegradabili, il riciclaggio e raccolta differenziata dei rifiuti, la conservazione dell’ambiente e delle risorse naturali.

L’efficacia turistica comprende le misure che riguardano la valorizzazione delle tradizioni locali e l’utilizzo sistematico delle produzioni eno-gastronomiche e artigianali del territorio, l’integrazione con i servizi e le risorse locali, la fruibilità per gli stranieri, l’attenzione ai bisogni dei visitatori, il collegamento con i trasporti pubblici, la visibilità e la promozione delle strutture attraverso modalità creative e/o innovative

L’eticità sociale comprende le misure che riguardano l’accessibilità (da parte di disabili, anziani, bambini) o che valorizzino il lavoro e la creatività delle donne e dei giovani e attraverso misure che agevolano l’utilizzo delle strutture da parte della comunità locale

L’efficienza aziendale comprende le misure relative agli adempimenti normativi, assicurazioni, dotazione di personale adeguato e delle attrezzature necessarie e attraverso misure che incrementano la sostenibilità finanziaria (capacità d’intercettazione delle opportunità finanziarie e organizzative, organizzazione di strumenti innovativi ed efficaci di autofinanziamento dei servizi, condivisione con altre strutture di azioni al fine di minimizzarne gli oneri).

I criteri adottati per la definizione degli indicatori che compongono il marchio (che riguarda le strutture turistiche come alberghi, ristoranti, agriturismo, B&B, ostelli, campeggi, musei, ludoteche, esercizi commerciali turistici e servizi di aggregazione rurale), sono stati desunti dalle politiche ambientali europee. Tuttavia il marchio delle 4 E, non costituisce un libro di sogni perché lo sforzo, fatto dal Gal, è stato quello di censire le migliori pratiche esistenti nel territorio dei comuni soci e fissarle come esempi per tutte le strutture turistiche.

Inoltre, con l’obiettivo d’innescare un percorso di qualificazione progressiva, ma continuativa nel tempo, pur con passi a misura delle risorse degli operatori, il Gal ha attivato diverse opportunità per incentivare il dinamismo e la qualificazione delle strutture che hanno scelto di aderire al marchio:

-ha riservato nei bandi promossi dallo stesso Gal un punteggio di favore ai servizi turistici che hanno elaborato un piano di qualificazione per conseguire il marchio delle 4 E

-ha selezionato ai fini della creazione di un navigatore satellitare (vedi BOX B) le strutture che hanno dimostrato un interesse per la qualificazione turistica

- si è impegnato nella nuova programmazione Leader (PSR 2009-2013) a promuovere attivamente la visibilità in particolare di quelle strutture che si adoperano per la qualificazione turistica del territorio.

Finora il Gal conta fra le avvenute adesioni quelle di 4 alberghi, 13 B&B, 10 aziende agrituristiche, 3 ristoranti, 8 altre strutture fra ostelli, siti di produzione, esposizione e vendita dei prodotti locali, ma sono in corso numerosi contatti con operatori che ancora non hanno completato l’iter di adesione. Fra le strutture che hanno aderito emergono notevoli differenze, anche se il quadro d’insieme è risultato superiore alle aspettative, come risulta dal seguente grafico

Per aderire al Marchio di area turistico del Gal (marchio delle 4 E) telefonare allo 0776 513015)

BOX B Che cosa è un navigatore satellitare?

In collaborazione con il Gal Aniene Tiburtino e il Gal Tuscia Romana, il Gal Versante Laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo sta realizzando un progetto di cooperazione fra i Gal che entro il 15 settembre 2008 porterà a costituire un navigatore satellitare oramai sempre più indispensabile strumento per coloro che amano mettersi in viaggio soprattutto verso mete non sempre facilmente raggiungibili. Il progetto che i Gal stanno realizzando con il Touring Club consentirà di offrire una cartografia (in corso d’opera ) con informazioni precise, attendibili e relative a siti e strutture di cui viene garantita la qualità.

A tal fine il Gal Versante Laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo sta inventariando beni monumentali e musei, parchi , riserve e aree protette, aziende della ricettività e della ristorazione, agenzie di viaggi e enti di promozione turistica, fiere ed eventi ricorrenti, imprese produttrici , di trasformazione e di vendita , botteghe artigianali legate a prodotti tradizionali e di qualità , Strade di produzioni tipiche o Enti e Associazioni che promuovono prodotti o piatti tipici.

Attualmente il Gal ha elaborato 336 schede fra cui il Touring Club dovrà selezionarne circa una settantina e com’è ovvio, l’adesione ad un marchio di qualità è titolo di preferenza.

Tanto il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, quanto la Regione Lazio guardano a tale progetto con grande interesse, in quanto si tratta di un progetto pilota che potrebbe essere esteso anche ad altri territori.